La missione dei genitori

La MISSIONE DEI GENITORI è preparare i bambini alla vita, non dando loro una cultura ma sostenendoli negli sforzi di vita, nello sviluppo libero della loro individualità psico-fisica.

Come aiutare i bambini a vivere meglio?

La missione dei genitori è quella di rendersi idonei all’educazione, superando le preclusioni e i condizionamenti radicati nella memoria delle proprie esperienze personali.
I genitori possono meglio agire per lo sviluppo dei figli se vivono nella mindfulness, educandosi cioè a una sana vita interiore, cercando l’armonia della mente e nei sentimenti e nutrendosi delle giuste impressioni.

Le emozioni ci fanno agire.

I modelli emozionali che i bambini ricevono a casa e a scuola influenzano i loro percorsi emotivi, rendendoli più o meno capaci di interagire con la vita. L’infanzia e l’adolescenza sono fondamentali per costruire le loro inclinazioni emozionali.

La missione dei genitori è “apprendere come educare”.

E’ il bambino che sviluppa le proprie capacità, compito dei genitori e degli educatori è predisporre ambienti educativi accoglienti e stimolanti la sua crescita. Il fine dell’educazione non è plasmare i figli, ma acquisire sensibilità per rispettarne le attività e riconoscerne i bisogni anziché soddisfare i propri.

La dimensione intuitiva dell’apprendimento.

Con i bambini le attività da favorire sono quelle che coinvolgono la dimensione intuitiva dell’apprendimento, non necessariamente lineare ma creativo. Le esperienze dei bambini e dei ragazzi hanno per loro uno straordinario significato se sono conquistate autonomamente, anziché essere acquisite passivamente.

Vivere con consapevolezza e attenzione.

Ogni adulto e genitore dovrebbe acquisire la consapevolezza di quanto sia necessaria una nuova attenzione verso la propria vita interiore e esteriore, al modo di comportarsi e alla qualità delle emozioni e dei pensieri collegati alle loro azioni.
Viviamo una vita frenetica e poco focalizzata che ci segnala la necessità di trovare una migliore sintonia con noi stessi.

Maurizio Montesano counseling e coaching.

Lascia un commento